Questo sito web utilizza i cookie
  Utilizziamo i cookie per offrti i nostri servizi. Continuando la navigazione acconseti l'utilizzo dei cookie.
Maggiori Informazioni
OK
Informativa estesa ai sensi del provv. n.229/2014 Garante Privacy e ss. mm. ii, in G.U. 3 giugno 2014.
Il Garante della Privacy ha recepito una direttiva europea che impone agli amministratori delle pagine web di mostrare ai visitatori un banner che li informa di quale sia lo politica dei cookie del sito che stanno consultando e di subordinare la sua accettazione al proseguimento della navigazione.
I cookie sono dei file di testo che i vari blog, siti web, forum inviano al browser dell'utente per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. Questi consentono all'amministratore del sito di poter effettuare statistiche sulle visite le quali potranno essere utilizzate per migliore il servizio offerto fornendo contenuti correlati alle preferenze dell'utente.
I cookie si dvidono in varie categorie
Questo sito utilizza solo Cookie tecnici di navigazione pertando tale testo è da considerarsi puramente informativo
Blocca i cookie
È possibile disabilitare i cookie dalle impostazioni del browser
Preso Visione




NEWS & EVENTI

DALLA UE, Finanziare la trasformazione digitale: necessario un nuovo approccio

Data di aggiornamento: 20/07/2018

Il recente studio pubblicato dalla Banca Europea degli Investimenti in collaborazione con la Commissione europea offre un contributo interessante al dibattito su come riorientare gli strumenti finanziari per sostenere le imprese che stanno trainando la rivoluzione digitale: stiamo parlando di quelle che operano nelle cd KET (Tecnologie Chiave Abilitanti), dalla micro-nano elettronica, alle nanotecnologie, all’industria biotech, ai materiali avanzati, alla fotonica e alle tecnologie di manifattura avanzata. Lo studio si concentra in effetti sui due ambiti della microelettronica e la fotonica, ma la maggior parte delle valutazioni è applicabile agli altri settori KET. I contributi pubblici a fondo perduto continuano ad essere gli strumenti di finanziamento più richiesti, in particolare dalle imprese più giovani; particolarmente gradite le risorse rese disponibili dalle piattaforme europee, come l’ECSEL Joint Undertaking. 

Leggi tutto


Bilancio UE: più risorse per un’Europa che protegge

Data di aggiornamento: 20/07/2018

La sicurezza è stata una priorità politica sin dall’inizio del mandato di questa Commissione, dagli orientamenti politici del suo Presidente all’ultimo discorso sullo stato dell’Unione. Sebbene la protezione dei cittadini sia una competenza nazionale, L’Unione europea svolge infatti una funzione fondamentale di sostegno agli Stati membri. Per costruire una “Europa che protegge”, la CE propone un finanziamento di € 4,8 miliardi per il prossimo bilancio a lungo termine dell’UE.

Leggi tutto


Più fondi per la cultura per rafforzare crescita e innovazione

Data di aggiornamento: 20/07/2018

A conferma dell’importanza della cultura come driver per la crescita economica e l’innovazione, i settori culturali e creativi forniscono oltre 12 milioni di posti di lavoro (il 7,5 per cento della forza lavoro) e creano circa 509 miliardi di euro in valore aggiunto al PIL (5,3 per cento). Questo il motivo per il quale la nuova proposta di bilancio per il periodo 2021-2027 prevede un considerevole incremento - pari al 20,93% - del programma Europa creativa, che passerà da 1 miliardo 460 milioni di euro a 1 miliardo 850 milioni di euro. 

Leggi tutto


Europa e intelligenza artificiale: un ulteriore passo in avanti

Data di aggiornamento: 20/07/2018

Nell’ambito della dichiarazione di cooperazione sull’intelligenza artificiale (IA) firmata da 28 Paesi europei lo scorso aprile 2018, la Commissione europea ha recentemente istituito la European AI Alliance e la relativa piattaforma online per condividere le migliori pratiche, contribuire alle linee guida sull’etica dell’IA, creare reti di contatti e incoraggiare attività legate allo sviluppo della stessa. La Commissione ha inoltre creato un gruppo di lavoro speciale di alto livello composto da 52 esperti e di cui fanno parte gli italiani Stefano Quintarelli (AGID), Luciano Floridi (Università di Oxford), Andrea Renda (CEPS), Francesca Rossi (IBM).

Leggi tutto


Description of this picture